martedì 27 maggio 2014

er Moro 4.0 has been released: IL CENTISTA

 Foto più bella e significativa del mio Passatore non poteva esserci:
consegna del Trofeo al Miglior Esordiente intestato a 
Simone. Dmitry Pavlov (4°, in 7:13:08)

QUALCOSA DI INDESCRIVIBILE, UN'ESPERIENZA SENZA EGUALI 

Raccontare quest'avventura nn è cosa semplice, considerando quanto m'ha spinto a farlo e quanto m'è costato in termini di sacrifici di tempo, di organizzazione etc etc.. Ma ormai è cosa fatta e quanto segue vuole riassumere qualcosa di irriassumibile, che quando lo leggerò più in la nel tempo, dovrà farmi ricordare quanto vissuto! 

Da troppo tempo mi ripetevo 
"Devi fare in modo di arrivare alla Colla ed essere disposto a dire <<la gara inizia adesso>> senza battere ciglio

e cavolo: L'HO DETTO!!! 
Seppur dopo aver avuto due crisi, la prima intorno al 27°, prettamente mentale, scatenatasi forse perchè sceso piuttosto "allegro" da Vetta le Croci. Tanti sorpassi lungo quei km e forse mi ero un pò deconcentrato dopo i primi 12km di salita e nel sentirmi fare 

"Ehi ma sei tu il Moro?

Ed io 

"Si, e tu chi dovresti essere :)

rivolgendomi al ragazzo affiancatomisi in bici, che scoprirò essere informatissimo perché già follower e lettore del Blog! Fu un piacere scambiare quelle chiacchiere ed aver avuto la giusta distrazione, anche se m'aveva un pò distolto dal gesto atletico fin lì curato in maniera scrupolosa, mi farò dare anche un qualcosa da bere perchè lo scendere veloce ed il parlare m'aveva seccato la bocca, grazie ancora Marco, davvero! 

Con Claudio, il mio personal biker, ci si era lasciati attorno al 24°dandoci appuntamento alla Colla, dopo essersi fatto trovare circa al 15° nei pressi della trattoria  La casa del Prosciutto AHAHAHA tutto quel pedalare gli ha messo una fame poverino IHIHIHI saprò dopo che si è fatto tutti i ristori, reintegrando alla grande! 
A metà strada tra Razzuolo (43,7) ed il 48° arrivava un'altra crisi, la seconda, più fisica e preoccupante! Dopo Borgo San Lorenzo (31,5) ero riuscito a farmi 13 km di salita di buon passo, stavo bene e felice di aver saputo gestire il primo momento difficile; Claudio lo ritrovavo al 40° perchè preoccupato dal nn vedermi arrivare al 42° decise di venirmi incontro! Mi si è messo davanti ed io stavo ancora benone, mi sembrava mi tirasse, una lepre psicologica lungo quel muro è stata l'ideale e mi ha permesso di ingannare l'attesa dell'arrivo al 48°: NON SI ARRIVAVA MAI ed al 45° un accenno di crampo dietro la coscia destra mi faceva optare per rialternare un pò di passo veloce piuttosto che rischiarne uno fatto bene! 
Lungo quei km anche un lieve accenno di pubalgia mi faceva preoccupare ma fortunatamente sono rimaste solo ipotesi di un peggio che non è mai avvenuto! 

Ma andiamo per ordine, sto già quasi a Colla di Casaglia!
REWIND
Alla sera del 24 si va a nanna presto in quel dello splendido B&B Bartolini (da me così affettuosamente rinominata casa di Christian dopo l'ennesima volta che mi ospita come nemmeno a casa mia, per me, faccio :/), ma solo dopo una cena a base di pasta al sugo di pomodorini freschi con foglie di basilico, da me richiesta per l'occasione dopo che m'era stata data la libertà di decidere (un piccolo Calcaterra mi sentivo :) IHIH ); sveglia impostata alle 5:40 per fare in modo di svolgere le pratiche mattutine, ma nn farà in tempo a squillare perché mi sveglierò già alle 5, però ho dormito, emozionato ma ho dormito! 

"ok, andiamo ad iniziare" mi dico!!! 

Colazione con fette biscottate e marmellata accompagnate da the e quand'erano le 6:40 uscivo di casa x dirigermi in Faenza stazione così da prendere il regionale delle 8.20, di cui avevo fatto il biglietto il giorno prima per trovarmi avvantaggiato! Alle 7:45 ero al binario 2 e mi apprestavo a salire sul treno in attesa che si popolasse di runners e gente comune. 
Non ero teso, mi sentivo strano, ma ero rilassato perché in fin dei conti si trattava solo di "correre" ma ancora dovevo fare il viaggio di due ore in treno assieme ad ultramaratoneti vari, chi all'esordio e chi alla sua seconda, terza, o ennesima partecipazione! Viaggio che mi avrebbe fatto rimettere in discussione quanto fatto da un anno e mezzo! 
Se ne sentivano di tutti i colori nello scompartimento. 
Venivo coinvolto, incuriosito da due podisti, uno di Milano, un MM50 già centista in svizzera ma al debutto sulla Faentina ed un MM30 al suo terzo Passatore, abbiam creato un piccolo salottino dove gente comune in visita a Firenze, ci tempestava di domande. Il primo era il classico runner diligente, che si rifà prettamente al cardio, fregandosene del passo, molto sicuro di se stesso; il secondo era un ragazzo che vantava già due edizioni corse con tempi finali sopra le tredici ore! I due mi vedevano tranquillo, e cercavo di sfruttare la loro esperienza per calarla nella mia realtà, che mi faceva sentire un pivello rispetto a cotanta saggezza! Dopo un attimo sembrava ci si conoscesse da sempre :) Tra me e me ero spaventato dai discorsi del ragazzo, che nonostante fosse alla sua 3^ edizione faceva capire che si sarebbe trattato di un'ennesimo punto interrogativo, avvalorato dalla maturità dell'altro runner che sembrava sapere già tutto e continuava ad annuire ai dubbi del primo! 
Ed io?!? Io mi lasciavo andare affermando che avevo anche buttato giù delle previsioni cronometriche, che però dopo la 50 di Romagna avevo capito di nn poterci fare affidamento, anzi, che avrei dovuto proprio nn pensarci! Nell'affermare 

"secondo le mie previsioni dovrei essere alla Colla dopo 5:23 dallo start"

iniziano a ridere tutti e due come se avessi detto una barzelletta di quelle forti! Allorché, tra me e me, tutta la serenità fin la mostrata iniziò a rabbuiarsi! L'MM50 si prende il mio nominativo perché sarebbe andato poi a curiosare sul mio risultato (spero veramente se lo ricordi il cognome e pagherei per vedere la faccia nel leggere il tempo di me semplice esordiente IHIHIHIHI ora rido io, e daje)! Per la cronaca alla Colla arriverò in 5:41:16 TSè TSè 
Viaggio in treno di due ore VOLATO! Arrivato alla stazione di Santa Maria Novella, meditai sulle chiacchiere fatte e quanto ascoltato andava a rafforzare il suggerimento datomi poco tempo fa da Lisa (nazionale ultratrail conosciuta alla Strasimeno che mi ha aiutato nel mese di scarico), ossia 

" ...io se fossi in te non ipotizzerei dei tempi...concentrati a tenere, soprattutto all'inizio, un'andatura BEN al di sotto delle tue massime potenzialità...e poi corri libero di testa...l'obiettivo è onorare la gara nel migliore dei modi!!!"

Pensai: 

"Se una forte come Lisa mi dice quelle cose e questi sul treno mi fanno certi ragionamenti, devo stare particolarmente attento soprattutto all'inizio, si devo stare MOOOOLTO ATTENTO"

Un problema si poneva però: come fare per non rischiare una partenza avventata? Partivo senza Garmin, e solo al 48° avrei potuto decidere se prenderlo dalla borsa che avrei trovato. Allora mi sono rifatto alla respirazione, sapevo che era l'unico modo ed a scanzo di equivoci avrei dovuto correre al di sotto di quello che comunque mi sarebbe venuto normale sostenere, non dovevo mai e poi mai andare in affanno, nemmeno per poco! Tanto di tempo ne avrei avuto infinito per incrementare! In quel momento decisi che nelle prime salite DOVEVO alternare tratti al passo anche se nn ce ne sarebbe stato bisogno! E così ho fatto, fin da dopo piazzale Edison verso Fiesole, alternavo corsa e cammino veloce ritmato dalle braccia, andavo così veloce al passo che sembrava stancarmi di più quel gesto della corsa, ma ormai la strategia iniziale era presa! 

I KM INIZIALI 
In quei primi km incontrerò Alina (ormai un piacere incontrare la donna, e che donna, la sportiva, e che sportiva, che ho conosciuto grazie alla magia di Simone, e che magia) eh eh; poco dopo un'altra runner, Silvia, conosciuta alla Strasimeno, dove negli ultimi 5km mi sorpassò senza problemi, quando ormai ero cotto ma che già alla 50 di Romagna la superavo intorno al 20° e qui al Passatore difficilmente penso mi possa essere arrivata davanti, anche se nn rimarrei troppo sorpreso se lo dovessi scoprire, è un'ottima podista, dal passo sopraffino sulle lunghe distanze, ed io un pivello in confronto! In quel frangente mi sento chiamare

"Moro

era Caudio, socio fondatore dell'ASG che mi avrebbe dato supporto fino alla Colla, in più riprese e che è stato la prima distrazione per non farmi pensare che il viaggio era appena iniziato! Un sorriso enorme nel vederlo! Si iniziava a fare sul serio! Poco dopo sulla salita appena iniziata mi riconosce e saluta Massimo, un blogtrotter anche lui. Massimo, RESPECT per il tuo Passatore! 
Ero concentratissimo sulla respirazione, e nonostante mi ero scaldato e nn necessitassi di tratti al passo, continuavo ad applicare la strategia decisa a tavolino! 

ALLA COLLA 
Dal 40° venivo preceduto/affiancato dalla lepre psicologica Claudio fino alle tende con le borse lasciate allo start: mi precipito a prendere la mia ed il mio accompagnatore Free Lance :) mi farà la gentilezza di passare il pettorale dalla canottiera di società alla maglia ASG personalizzata per l'evento. Mi ero portato di tutto nel dubbio del meteo che avrei trovato e col senno di poi dico che ho fatto bene perché opterò sia per i guanti tecnici che per l'immancabile scaldadacollo! Riconsegno borsa, prendo qualcosa da bere al ristoro e penso

"Ok, la gara inizia ora

Riparto senza battere ciglio in discesa e volutamente rallentato, sia per le gambe provate da quanto fatto fin la, sia per il traffico di auto in quel tratto! Lí ma anche in altri punti, sono stati le uniche note stonate di una sinfonia durata 11:24 minuti! 
Prima di arrivare al 50° mi raggiunge Claudio, anch'egli cambiato di vestiario, che mi fa 

"Ehi tutto bene,serve niente?

Come già d'accordo, gli faccio 

"No, vai vai ci vediamo all'arrivo, sto bene" (anche un pò di autoconvincimento!!!) 

e lui 

"Dai che hai finito, solo altri 50 in discesa"

Se avessi avuto un corpo contundente l'avrei colpito duro :) ma invece ora gli dico 

"grazie di tutto SOCIO, il tuo Passatore te lo sei fatto anche tu con Simone vicino e sono felice di avertene dato l'opportunità! A te come a tutti gli altri..

Il 50° ancora non era arrivato, la sera iniziava a farsi spazio nel cielo e la luce andava scomparendo; la tanta gente, il tanto chiacchierare sembravano svanire lentamente, come abbassando delicatamente il volume di una radio fino al silenzio totale: 

"ok Mauro, vai giù fino a Faenza, ricordati cosa scriveva Simone e poniti obiettivi mentali di volta in volta! LA GARA E' APPENA INIZIATA!"

Fisicamente stavo bene, stanco in misura dello sforzo profuso fin la, davvero: l'essere stato attento alla respirazione è stata la mossa vincente!
Mi veniva da ridere quando pensavo che avevo ancora più di un'altra maratona e fu allora che cercai le giuste motivazioni su cui meditare per trovare le forze.
Il pensiero andò dritto dritto a come e quanto seppero soffrire Enzo, Simone, mia madre, alle prese col BASTARDO, alle scene di dolore a cui ho assistito in questi tre anni ed automaticamente i dubbi scomparivano, mi limitavo a correre come meglio potevo fare, stando attento a mettere i piedi e cercare di illuminarmi la strada con l'essenziale e modica lucetta che avevo recuperato dalla borsa.
Ormai si correva in solitudine, nonostante non si fosse praticamente mai soli, ma per quanto mi riguarda ero calato in uno stato mai provato in 37 anni, c'erano dei momenti in cui mi sentivo quasi in preda a dei raptus dettati dal contesto, un distacco totale dalla realtà e quando me ne rendevo conto e tornavo al reale l'impatto non era lieve. 

I RISTORI, IL NIRVANA: LA MAGIA DI SIMONE
Ho deciso che non avrei dovuto sgarrare, mi dovevo preoccupare solo di bere, bere e bere: acqua naturale, un pò di sali, the caldo alla sera; come solidi ho mangiato solamente frutta, pezzi di banane, mela, un pò di uva sultanina, solo alla sera mi permetterò di prendere anche un paio di biscotti da inzuppare nel the, camminando per evitare di parcheggiarmi :) non mi fermavo più di un minuto, due al massimo boh ero senza orologio :) ma comunque stavo il necessario per fare le cose di corsa e ripartivo, mi ricalavo nel mio Nirvana e riprendevo a meditare, pregare, ma non perchè avevo paura di non farcela piuttosto perchè quella situazione mi faceva sentire più vicino al Destino, a Dio, all'Onnipotente: ci sono stati dei momenti, più di uno, in cui avevo la sensazione reale, concreta, che Simone mi stesse tanto vicino da essersi calato nel mio personaggio e che fosse lui a fare l'andatura! Quando me ne accorgevo ridevo, perchè contento di star facendo bene e più ci pensavo e più me ne convincevo, quello NON POTEVO ESSERE IO, non dopo 60, 65, 70, 75 km.. Al massimo ne avevo fatti 63.3 di continuo e quindi quello era LUI, ridevo come uno scemo, in quel buio tra un ristoro ed un altro i km passavano velocemente e dentro di me pensai

"aò Simo', so' contento che stai a fa tutto te ma non te dimentica' che il corpo è il mio e la carrozzeria è quella che è, però andiamo, il problema ce lo porremo al momento debito"

UNA CRISI DA FARMI TEMERE IL PEGGIO E L'EFFETTO PLACEBO
Arrivato all'80° si riaffacciavano i crampi alla coscia posteriore destra, e dopo quella sgaloppata di oltre 30 km con Simone a fare l'andatura, a parte le pause brevi dei ristori, iniziai a temere il peggio: si perchè ero in preda ad una crisi vera e propria, mi veniva da piangere ma le lacrime non mi uscivano, nn ce la facevo neppure a camminare, mi appoggio con le braccia conserte ad una staccionata ed intanto venivo ripreso e superato, ognuno di quelli che passava mi vedeva nello sconforto più totale e leggendo dietro la schiena azzardavano

"GO Simone GO"

riprovavo a partire al passo ma niente, non ce la facevo, mi rifermavo!!! non sapevo più che fare, in quelle condiizioni ancora venti chilometri sarebbero stati infiniti! Fu allora che mi ricordai di avere ancora due carbogel!!! Lo presi come se fosse una pozione magica, era l'ultima possibilità e subito dopo ripresi a camminare ma in pessime condizioni, però un effetto placebo mi diede nuove energie e dopo pochi metri riniziai a correre: era tutto svanito! Quanto ci condiziona la testa, fa tutto lei, nel bene e nel male!
Ripresi i ritmi prima, anzi Simone riprese a fare l'andatura e mi tornò il sorriso sulle labbra, come un pazzo, aspettando il ristoro susseguente per poi attendere l'arrivo a BRISIGHELLA, dove sapevo che forti emozioni mi avrebbero aiutato ad iniziare ad immaginare la fine, nonostante mancassero ancora dodici interminabili chilometri. Non potei non pensare a quanto scriveva WLF nello scoprire che il cartello era posto all'88° e non al 90° come da lui immaginato, ma la cosa non lo scosse poi troppo, come dice lui

"Contraccolpo. L'imprevisto è sempre dietro l'angolo.
Non è gravissimo in questo caso.
Erano ottantotto chilometri fatti e non novanta; un filo di delusione mentale c'è ma va bene così. Una piccola lezione in fondo ad un prezzo molto basso. Sarò più paziente la prossima volta, devo tenere in mente indistruttibile, devo esserlo. Non penso più che potrò chiudere la gara in meno di otto ore, ma questa sfida è talmente oltre i valori cronometrici che non cambierà la sostanza.
L'odore della fine, l'idea di arrivare fino in fondo, il salto nel buio è una scommessa vinta."

ULTIMI 10
Poco prima del cartello del 90° supero due runner al passo, ed uno mi fa 

"ehila grande, vai che sei arrivato, sei stato bravisismo"

era Giuseppe, alla sua seconda partecipazione, dopo lo splendido 10:47 del 2013, e correndo gli faccio

"e allora, daje"

e lui

"no no, me la prendo comoda"

Giuseppe,  conosciuto al venerdì pomeriggio in piazza a Faenza e che durante la prima parte mi superava prima dell'interminabile salita per arrivare alla Colla. Conoscerci come abbiam fatto mi fa pensare di conoscerti da sempre ed invece siam stati al massimo 10' insieme: il potere della CORSA è questo!

Ok l'odore della fine lo sentivo, ma sapevo pure che mancavano ancora 10 chilometri e che il falso piano a scendere come da altimetria mostrato, era tutto tranne che a scendere! Forse perchè i già 90 chilometri fatti facevano vedere le cose distorte e/o sentirle tali?!? Non lo saprò mai, ma continuavo a correre su una strada deserta ricalata nella realtà del quotidiano, adesso c'erano anche i lampioni. Io ed una coppia di ragazze, ci siamo superati più volte dalla crisi dell'80°, prima loro, poi io, poi loro quando al 95° un accenno del solito crampo mi faceva optare per fermarmi un attimo, ed io

"caxxo, caxxo, caxxo"

e tiro fuori l'ultimo carbogel-pozione miracolosa! Come all'80° riprendo a camminare e subito a correre, tutto svanito. Ci rimetto quasi quattro chilometri per riaffiancare le ragazze, eravamo arrivati al 99°, ed affiancandole faccio loro: ragazze è stato bello condividere questo viaggio con voi, andiamo a concludere, quest'ultimo si corre ad occhi chiusi, godiamocelo! Le sorpasso e sento 

"GO Simone GO"
e
"FAI GLI AUGURI ALLA MAMMA"

vedendo la personalizzazione apposta per l'occasione!!!
Per un attimo faccio loro:

"ma perchè, conoscevate?!?"

pensando si riferissero alla mamma di Simone, ma in una frazione di secondo capii tutto: Simone ero io vedendo la scritta e la mamma era comunque la mia a cui stavo regalando il mio Passatore!

ULTIMO CHILOMETRO
Poco dopo aver superato le ragazze mi lascio andare ad un primo grido liberatorio, poi ad un secondo, ed intanto acceleravo, una miriade di emozioni mi stavano pervadendo, ed un terzo grido, un sorriso a 100 denti ed acceleravo e strillavo e mi sento fare 

"ehi Mauro"

era Ame che stava tornandosene dall'arrivo e con cui ci siam scambiati un cinque, che scoprirò postare all'istante via FB

"Visto Mauro gridava a 300 mt dal traguardo e lo sentivano a Firenze ahah"

Arrivo in piazza del Popolo, alzo il braccio ad indicare i miei cari, Simone, tutti, taglio il traguardo mentre dai lati sentivo tutto il gruppo ASG che presidiava lo stand apposito a ridosso del traguardo, mi inginocchio, guardo il cielo strillo per l'ultima volta

"GRAZIE SIMOOOOOOOO"

Mi alzo, mi lascio abbracciare ed abbraccio tutti: 
Christian, Lauretta, Giuseppe, Claudio, Andrea,  Silvio, Alessandro, Michele, Marco via telefono da Dublino, e tutti quelli che hanno creduto in questa mia promessa. Tramite tutti i mezzi di comunicazione possibili, FB, Twitter, Blog, WhatsUP.. etc.. Citarvi tutti mi prenderebbe altre 11 ore, ma sappiate che nei 30 km corsi dopo il 50° mi siete stati tutti vicino, vi ho pensato a tutti!

Vado a prendere la medaglia, abbraccio e ringrazio l'indispensabile e grande Lorenzo
ps: Lore', la prima volta che ho chiesto l'ora era alla Colla e nello scopire che erano ancora le 20:40 ho pensato tantissimo a quanto mi dicesti al venerdì e cavolo, ero lì!!!

GRAZIE A TUTTI VOI UNA MAGIA SI E' AVVERATA
SENZA DI VOI SAREBBE STATO IMPOSSIBILE 
FELICE DI AVERVI DATO LA POSSIBILITA' DI ESSERE VICINO A SIMONE ATTRAVERSO ME
IL RAGAZZO SE L'E' SPASSATA DA LASSU'
SIETE/SIAMO STATI IMPECCABILI

Un post a parte verrà dedicato all'immane lavoro svolto dietro le quinte e che ha reso possibile la magia!
Ancora grazie, siete stati fantastici, unici!

ARRIVO A FAENZA. I MIEI 
ALLENAMENTI, LE MIE FATICHE, LA CURA DEL FISICO, L'AIUTO DEGLI 
AMICI, IL SUPPORTO E TIFO DI 
CHI ERA PER STRADA. TUTTO INSIEME MI HA
PERMESSO DI ESSERCI, DI GODERE DI UN MOMENTO DI FELICITA' PURA.
FELICITA' VERA, SODDISFAZIONE PIENA.

LO ZEN, LA CORSA E L'ARTE DI VIVERE CON IL CANCRO
Simone Grassi

39 commenti:

  1. ... In fondo bastava solo correre! Un passo dietro l'altro... Bravo Campione
    ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Enrico caro, si, proprio di quello si è trattato!
      e' bastato stare particolarmente attenti al "come" farlo, ma tutto sommato è stato "semplice"!
      ora tocca a te e facciamo le cose fatte bene!
      Già vedo la foto sopra modificata: io che consegno a te il Trofeo di Simone!!!

      Elimina
    2. Eh, al momento come sai sono riuscito nell'impresa di ricorrere una maratona dopo 5 lunghi anni... e anche se la voglia di mettermi in gioco non mi manca una Cento la vedo lontana anni luce! Ma è chiaro che se e quando sarà il momento andrò per fare la mia gara e realisticamente parlando non sono così forte da fare certi tempi.

      Elimina
    3. Sognare ad occhi aperti nn ha mai fatto male a nessuno.. lasciamelo fare :)
      Un abbraccio

      Elimina
  2. Dire che mi hai emozionato è dire poco... Non hai manco citato il time finale, che non si può tralasciare così! Sei un grande!
    Un viaggio che ti rende ancora piu grande.
    Sono stracontento per te, e vedrai che questo sarà il primo di una lunga serie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh eh Gianlu', mostrare il tempo finale non è rilevante, considerando quanto mi ha portato a realizzarlo :)
      Questo post è nato direttamente dal cuore!
      Ho appena provveduto ad integrarlo con la foto più emblematica, specchio del racconto! Puoi immaginare con quale fierezza e come mi sentissi in quel momento!
      Ho aggiunto il dettaglio degli intermedi, che comuque danno il giusto peso e fanno meglio capire quanto raccontato!
      es: ho corso gli ultimi 12km 15' più veloci dei precedenti 12, momento della crisi dell'80°!!! 15' son 15' :D

      Elimina
  3. Moro... vigliacca boia... mi hai fatto piangere.
    Grazie di tutto, te lo dico con il cuore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Andrea, come già detto e scritto:
      GRAZIE A TUTTI VOI UNA MAGIA SI E' AVVERATA
      SENZA DI VOI SAREBBE STATO IMPOSSIBILE

      Elimina
  4. onore!

    mi hai fatto quasi venire voglia, più poi che prima, di provarla...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh eh Panda, stimolare un Campione come te & Company è un onore mio non tuo ;)

      Elimina
  5. Grande Maurè... si capisce dalla prima all'ultima riga che valenza gli hai dato e come l'hai vissuta.
    Stima assoluta.
    Io ci andai x gioco ripromettendomi di farla seriamente... ma al 99% quel seriamente non ci sarà più.
    Tu hai aperto una porta e(se capisco bene)... continuerai a cercarti... senza tornare indietro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gianca' l'hai letto bene ma d'altronde, ho costruito questo risultato giorno dopo giorno, da oltre un anno.
      Ho iniziato con l'azzardare l'Ecomaratona di Roma a giugno 2013, nemmeno due mesi dopo la Maratona di Connemara, e tante altre sfide/allenamenti, tutto per mettermi in condizione di costruire questo risultato.
      Non penso e non ho mai pensato di essere forte in questo sport, ma so che quando mi metto in testa una cosa faccio di tutto per raggiungerla, se poi le motivazioni sono quelle che si evincono, allora tutto può succedere: ed è successo.
      ps:
      e comunque, qui nel commento lo rendo pubblico. uno dei pensieri fissi oltre tutto quanto detto, era se riesco a batte NonnoBlade inizia un'era! AHAHAHAHA

      Elimina
  6. grande. un altro tassello nel tuo infinito curriculum

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie ma dai, infinito no, corposo si eh eh

      Elimina
  7. Mi è venuta la pelle d'oca dall'emozione a leggerti..grande Mauro davvero grande.
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ed allora hai percepito il senso di quanto scritto, ottimo!!! ;)
      Sono sicuro che l'hai fatto!

      Elimina
  8. grande Maure' .....emozione allo stato puro.sei stato fenomenale .......tanto di cappello

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie lello..
      in effetti si dai, stavolta le cose sono andate come meglio non potevano!
      rimettiti il cappello però :) :) :)

      Elimina
  9. Mitico Mauro hai scritto una bellissima pagina di sport e di passione e sei riuscito a farla vivere a tutti noi
    Grazie per averla condivisa, la tua gara ci accompagnerà e ci aiuterà nei momenti più duri

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tommaso caro,
      iniziò con te il mettermi in discussione all'ecomaratona dell'anno passato.. Da allora ho continuato a puntare l'obiettivo, cercando di non farmi travolgere dal quotidiano affinchè potessi riuscirci!
      Più passavano i giorni, più accadevano cose importanti e dolorose nella mia vita e più aumentava il desiderio di riuscire a mantenere le promesse fatte!
      Sia a Simone che a Mamma avevo detto che dovevano aspettarmi a Faenza:
      sono andato a ricevere il loro abbraccio!

      Elimina
  10. Er Gladiatore che Core! Non aggiungo altro caro il mio centista!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :) quasi quanto il tuo :P caro il mio best supporter ;)

      Elimina
  11. Anzi una cosa l'aggiungo, aspettavo l'abbraccio finale e tu sai tutte le motivazioni.

    RispondiElimina
  12. Pensavo che le mie lacrime rivolte alla cento fossero finite negli ultimi km arrivando a Faenza vedendo il sogno di tanti realizzarsi...
    Grazie Mauro...

    RispondiElimina
  13. Mauro, sei stato grandissimo ,letta con attenzione, volere è potere , e tu hai voluto fermamente quest'impresa , Grande di nuovo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ricordi la Christmas Run? Ti dissi le mie intenzioni: sono un capoccione ma se dico qualcosa faccio di tutto per farla!
      Sono andato a mantenere la promessa!

      Elimina
  14. Che emozione... ho letto le tue parole col cuore che batteva forte e le lacrime agli occhi. Un'emozione per me che leggo solo, comodamente seduta, e non riesco ad immaginare cos'è stato per te.
    Una vittoria meritata dopo anni di dedizione ed allenamento, una dedica stra-mantenuta alla tua mamma che è fiera di te, un runner speciale che ha corso accanto a te tutto il tempo e che ha organizzato il tifo da lassù.
    Dopo il tuo racconto, il Passatore è un po' meno un miraggio impossibile e sono fiera di poter raccontare che ho un amico che l'ha corso tutto!
    Non mi basta però, voglio sentirlo anche dal vivo! Organizziamo di vederci il weekend del 14 giugno! :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gran bella disanima la tua, mi compiaccio, sembri quasi che hai studiato psicologia ahahah il weekend del 14... il 15 è il mio compleanno e rischi di dovermi fare un pensiero ;)

      Elimina
  15. Sono senza parole. Perché non esistono parole adatte a tutto questo. Ho le lacrime agli occhi ed il cuore che batte forte forte. Sei straordinario Mauro. Per quello che hai fatto, perché lo hai fatto e per come lo hai fatto. E perché ci hai onorati di condividerlo insieme a te. Ti abbraccio amico mio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un puffabbraccio anche da parte mia.. onorato di essere apprezzato da te!

      Elimina
  16. noi ci siamo già parlati telefonicamente... solo ora ho letto il post. grande prova!
    oh... a cena coi regazzi abbiamo Sparlato di te, ihih!
    nota tecnica (non mi smentisco mai): forse qualcosa in più di solido era meglio che taa magnavi durante la gara.
    luciano er califfo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sparlato?!? Beh, fatelo più spesso se qst sono i risultati :P
      E cmq do a Cesare quel che è di Cesare:
      Tra i tanti ragionamenti fatti per decidere la strategia di gara, c'era anche il tuo fatto a spasso per l'acquedotto, quando dicesti che è preferibile alternare del passo piuttosto che tenerselo tutto al termine!il discorso nn faceva 'na piega. ;)

      Elimina
  17. Ciao ragazzo, ricordo quando avevamo accennato a quella sfida sulla 42 che poi io ahimè ho dovuto abbandonare.. ne hai fatti di km da quel momento.. direi almeno 100 in più :-) complimenti sei un grande

    RispondiElimina
    Risposte
    1. caro Luca, sembra ieri.. ma allo stesso tempo un secolo fa!
      nell'occasione raggiungevo la 3.0 ma mai avrei pensato di continuare l'upgrade in questo modo :)

      er Moro 4.0 - IL CENTISTA
      er Moro 3.5 - The Ultramarathoner
      er Moro 3.4 - Il missionario
      er Moro 3.0 - Il tRop Runner

      Elimina
    2. Mi sono perso qualche passaggio ma credo tu abbi fatto i giusti scalini senza strafare.

      Elimina
    3. Dici il giusto: senza strafare ma puntando l'obiettivo finale, sempre lo stesso, FAENZA

      Elimina
  18. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina