giovedì 15 febbraio 2018

Inizio 2018 complicato

Piriforme, sciatica o non so che cosa, stanno accompagnando l'inizio di questo 2018.

Il correre poco di dicembre (102 km comprensivi della maratona di Rieti e della Coast to Coast di Sorrento) ha per assurdo fatto emergere questi fastidi, tramutati in dolori veri e propri, ma fermo non ci son stare e tantomeno potevo farmi mancare la 12^ partecipazione in 13 anni alla Maratonina dei Tre Comuni, e così è stato!
Ne è scaturita la mia peggiore prestazione ma d'altronde nei 5km di riscaldamento correvo male e col dolore al gluteo sinistro che si estendeva per tutta la gamba ed i miracoli non sono di questo sport, seppur fino al 16° abbia tentato l'intentabile, i pochi km dell'ultimo mese e l'inizio della salita  si sono fatti sentire tutti e i restanti 6 sono da dimenticare! 
L'indomani puntuale arrivava l'aggravamento della già non felice situazione e decidevo di starmene buono una settimana intera!

La vita lavorativa e quella da pendolare mi han fatto propendere per riposo e stretching mirato e qualche risultato ho iniziato a vederlo. Consapevole del ritardo nella preparazione, osservavo il chilometraggio degli anni precedenti di gennaio e febbraio ed appena constatato un leggero miglioramento mi catapultavo in strada.
La settimana di fermo, i pochi km, la sciatica non del tutto guarita però, hanno appesantito il mio correre ed a soli 700m da casa, dopo 12km serali su pista ciclabile di Monterotondo non illuminata, arrivato in zona centrale inciampavo sul nulla!!! Cado di peso sul lato sinistro, sbatto malamente il ginocchio, l'anca ed il polso: me ne sto per terra qualche secondo, nessuno nelle vicinanze, mi rialzo dolorante e sanguinante dal ginocchio e mi avvio malconcio al passo verso casa, deluso e dolorante, veramente sfatto!

Ne seguono quattro giorni di stop dalle corse, il nervo sciatico di tutto questo ne ha giovato, forse perché avevo dolori più rilevanti in altre parti del corpo :/

Riprendo a correre al venerdì sera, 4.5 km per vedere come stavo e l'indomani al sabato optavo per ricominciare a mettere su un po' di km con due uscite, una alle 11 e l'altra alle 17 per un totale di 25km di collinare monterotondese, da qui si riparte penso!!!

Il giorno dopo, domenica scorsa, corro altri 10 km e finalmente martedì, al ritorno dal lavoro, alle 20.30 me ne vado allo stadio per provare a fare qualcosa, azzardo un 3x3000 rec 2000 affaticante, ne escono fuori 15km quasi ben fatti, con incredulità!!!

Se questo inizio di anno me lo permette, da qui inizia la preparazione del mio quinto Passatore e speriamo sia vero!

to be continued..


giovedì 4 gennaio 2018

Il punto e 2 Piatti!?! Tanto basta?

Il punto, quello della riflessione..
Il punto come quello di una conclusione..
Il punto, come quello di una svolta..
Il punto, come uno dei tanti di quelli di sospensione..


Un Piatto di quelli Io c'ero sarebbe un onore ed una magia farlo mio, ma i 4459 km di gare in 13 anni, non sembrano bastare per rimboccarsi le maniche ancora una volta..
Il 15 gennaio è il tempo limite del primo slot di iscrizioni al Passatore 2018, continuo a prendere tempo in attesa di un segno premonitore circa il da farsi, consapevole che il 16 gennaio mi attende la 12^ partecipazione alla Maratonina dei 3 Comuni, dove anche qui un Piatto di ceramica, il 12° di un servizio costruito in altrettanti anni, ha fatto da ago della bilancia affinché mi iscrivessi!!! 

Sembra assurdo ma un valore inestimabile questo Piatto e questo Servizio. 
Riuscirò a completare l'opera nel 2018?


Stay tuned!!!


#imieiangeliconme #road2Passatore2018 

lunedì 11 dicembre 2017

42^ ...Me la ritroverò questa!?!

 
Pianificare significa decidere delle tappe per raggiungere un obiettivo. Stavolta il target era iniziare ad allenare la resilienza, si perché a distanza di soli 5gg dalla Coast to Coast, le gambe ancora non erano pronte, ed è in questi momenti che la testa fa la differenza! 

Partivo correndo facile, aspettando di andare a regime per vedere quanto la costiera sorrentina fosse ancora una limitazione per le mie gambe e lo è stata!

Ho sempre corso ma l'andatura stentava a riuscire facile, vabbè mi dico: "addio sogni di gloria di PB etc... alleniamo la resilienza!"

Avrei voluto onorare la Maratona n° 42 ma riuscirò a chiuderla con un non troppo imbarazzante 3:52:14

Questa la mia 42^ Maratona... l'ultima di un 2017 con chilometraggio totale in diminuzione dal 2014!!! 
Significherà qualcosa?!? 

Il 2018 sarà rivelatore!

domenica 3 dicembre 2017

Panoramic Coast to Coast or Panoramic Up&Down?!? Great performance

WOW, semplicemente WOW

Con queste parole si riassume il weekend appena concluso in quel di Sorrento con la splendida compagnia di mia moglie Ania, Silvana e l'amicone Gianluca.

A conferma che tutto era perfetto, è arrivata un'ottima prestazione lungo la Panoramic Coast to Coast, 28 km a spasso nella penisola sorrentina, con un'altimetria da non sottovalutare!


Al mattino un sole ed un cielo azzurro in zona start lasciavano presagire che saremmo stati graziati dal meteo, che la sera prima non ci aveva dato il benvenuto ma bensì creato tanto stress all'arrivo a Sorrento, invece da lì a poco il discorso cambiava e prima le nuvole offuscavano un timido sole e poi iniziava a scrosciare acqua lungo tutta la prima metà di gara, per diventare grandine intorno al km 14 e pioggia torrenziale dopo!


Fortunatamente avevo azzeccato l'abbigliamento e non ho mai sofferto le stagioni cambiate lungo tutta la gara! 

Con Gianluca partivano assieme e gli dicevo che volevo godermela e che il tempo sarebbe stato figlio dello stato di forma e tutto il resto, e così è stato.

Dopo 2-3 km le nostre andature erano differenti e seppur avessi detto che non avevo fretta di finirla, laccorgermi che stavo bene mi i faceva preferire il non correre col limitatore inserito.

Ho sempre corso anche nelle salite più dure, sfruttavo il suggerimento datomi al Passatore dall'amico Giuseppe: "correre al centro della strada in salita, senza tagliare le curve, a favore della pendenza meno difficile muscolarmente a discapito della lunghezza maggiore". Beh, grazie Giuse', oggi ha funzionato!

Ai ristori non mi fermavo, avevo preso una boccetta d'acqua al primo ed ho corso con quella, stavo bene, non avevo bisogno di fermarmi e mi stavo godendo lo splendido panorama,seppur sotto la pioggia, anzi, il meteo creava scenari surreali sul mare all'orizzonte, che ben si sposava con la costa Sorrentina, scenari incantati, davvero!

Il mio fisico risentiva positivamente di tanto splendore, seppur lungo quelle salite pensavo "piu che Coast to Coast, dovrebbe chiamarsi up&down". Fatto sta che intorno al km 17 si iniziava a scendere e da lì viaggiavo spedito come non mai in tanti km di gare, ero meravigliato perché comunque non ne risentivo troppo, era facile, spero solo di non pagare troppo quei km di discesa domani e nei prossimi giorni!
Questi i km dal 17:
si contano sulle dita di una mano
le volte che ho corso 3 km di fila a 4'16''
ed uno a 4'13'' 😂😂

Oggi come tante altre volte la vera arma vincente sono stati #imieiangeliconme, mi hanno accompagnato e stati vicino lungo tutto il percorso!

Questa gara mi lascia ottime sensazioni ed una rinnovata consapevolezza dei miei mezzi!




#road2Passatore2018


mercoledì 27 settembre 2017

Urge pianificazione a lungo termine

Dopo gli ultimi 4 anni ci vuole un cambiamento, la vita continua a scorrere ed essere ultramarathoner è sempre più complicato ma tentare 5 volte il Passatore in cinque anni sarebbe fantastico!
Settembre sta finendo, ed ottobre porta con sé l'apertura delle iscrizioni di tutta una serie di sogni nel cassetto:
Il Passatore 2018 appunto, la Ronda Ghibellina (magari l'ultra di 70) e probabilmente la prima edizione della 50 km di Roma dentro villa Pamphili.
Insomma, un piano strategico è in fase di costruzione, con settembre finisce l'estate con meno km degli ultimi 12 anni, spero che tutto andrà per il verso giusto e magari, chissà... I sogni si avverano a volte!

#imieiangeliconme #ASG #onceagain #GOSimoneGO

giovedì 31 agosto 2017

#delayedHoneyMoon #road2LupaUrbanTrail2017 what a magic!!!

Non racconterò il mio viaggio di nozze, mi limiterò a dire che si è trattato di un VERO VIAGGIO!
Tanti i luoghi visitati, tanti i paesi attraversati:
Italy, Croatia, Hungary, Slovakia, Germany, Austria and especially Poland. Tatry, Gorce, Kraków, Warszawa, Ciechocinek, Bydgoszcz, Inowrocław, Poznań - dziękujemy.
Per sempre rimarrà il viaggio mio e di Ania e nessuno ce lo potrà togliere, l'abbiamo vissuto!!!

Oltre 4800 km per arrivare a concludere in bellezza la mia/nostra traversata europea, poco dopo le 21 di sabato, seduti a tavola nel covo del Rione Lupa in Castiglione Fiorentino, con quel WOLF di mia moglie, quando si dice il caso, dopo 12 ore di guida continua da Monaco!

Mi farò anche una birra nell'occasione e poi a nanna nella splendida location del residence Le Santucce, consigliatissimo!!! Non prima di aver scaricato una macchina di bagagli di 21gg di viaggio!!! 😰

Preparavo la borsa ed una brutta sorpresa mi aspettava: la maglia ASG era rimasta sporca durante una delle poche corse delle 3 settimane a spasso per l'Europa😨😨😨 Mi sentivo come superman senza criptonite, è stata la prima volta che mi succedeva! Decido allora di mettere la maglia della nazionale italiana, indossata dal grande Ivan Cudin: dovevo riabilitarla dopo l'unica volta che l'avevo indossata, nel mio unico ritiro forzato in quel di Connemara 2016. Penso a Simone e me lo immaginavo col suo sorriso in segno di "tranquillo Moro,  succede" 😉


A mezzanotte ero nel letto in balia dei fantastici giorni trascorsi, non sentivo stanchezza ed il mal di schiena che aveva accompagnato la mia seconda parte di vacanza sembrava essere rientrato!

Alla mattina al risveglio avevo sí sonno, ma ero talmente endorfinico che volevo solo iniziare il mio nuovo viaggio e basta!

Strategie? Beh, consapevole di quello che era stato l'anno scorso, sapevo solo che non dovevo aver fretta ed essere umile soprattutto le prime ore.

Tanti incontri al mattino in Piazza del Collegio, Roberto su tutti, che sapevo essere in gran forma, ed a parte la modestia che lo contraddistingue, fin da subito sapevo avrebbe fatto bene e glielo dicevo! Chiuderà in 8^ posizione assoluta con oltre 60 km, STRATOSFERICO

Altre facce note del mondo delle ultra, come quella della Betti, Luisa (come non riconoscerla😍😂😂). 

Chiacchieravo un pó con Renato, direttore di gara, che avrebbe preso parte all'evento che quest'anno oltre alle distanze libere, ultra, maratona, staffetta, dava spazio anche a chi come Renato si faceva accompagnare dall'amico a quattro zampe 😊 iniziativa lodevole!

Incontro anche una vecchia conoscenza, Denise Quinteri, con cui chiacchieravo mentre mi appropinquavo a raggiungere il gonfiabile in cima alla salita! Altre due chiacchiere e si era pronti, correre 8 ore era l'obiettivo ed allora iniziamo!!!


Lascio partire e mi avvio lentamente nella prima discesa, vedevo subito Roberto partire bene ed ho nutrito tutte le otto ore il "sogno" di arrivargli davanti, ma lui era troppo in forma ed io in troppo poca, lo lasciavo andare e chissà.. 😊 in otto ore non si può mai sapere 😁

Faceva caldo, molto caldo, più dell'anno scorso ed un sole spacca pietre ha fatto da compagno di viaggio sin dalla mattina!

La prima ora passava abbastanza facilmente ed incontravo Ania, intenta a girovagare per Castiglione ed a godersi la sua giornata di relax.


Ci faremo un giro completo al passo, così come fatto l'anno scorso, ma quest'anno smaniavo per riprendere a correre, e mentre stavo per terminare il giro con Ania, Roberto mi doppiava la prima volta, era troppo in forma per stare ai suoi ritmi ed ho preferito applicare la mia strategia "take it easy", piuttosto che andarmi a complicare la fine della mia luna di miele in ritardo!
Con Ania ricorderemo un anno fa lungo la nostra passeggiata, e la magia ci ha accompagnato ancora una volta!

Baci e abbracci e ripartivo

Stavo bene, il mal di schiena che era la cosa che mi preoccupava di più, si era preso una tregua e pensavo solo a correre facile cercando di ricordare come correvo l'anno scorso, quest'anno però ho corso veramente pochissimo dopo il Passatore e lo stato di forma è calato verticalmente 😢😄

Cercavo di nn pensare al tempo che mi aspettava, e bene o male ci stavo riuscendo, ma le salite lungo i vicoli erano sempre più tremende fin dai primi giri, mentre nelle discese stavo riuscendo a correre più spensierato dell'anno scorso, alle 4 ore di corsa il viaggio era ancora lunghissimo ed il caldo la stava facendo da padrone!

Ripensavo all'anno scorso e mi sembrava che corressi più facilmente rispetto a quest'anno, soprattutto nelle salite, forse il poco correre di questa estate mi ha condizionato molto o forse si è trattata solo di stanchezza dovuta alle tre settimane a spasso per l'Europa, dove sicuramente non mi sono limitato né col mangiare, né col divertirmi e dormir poco, ma che vuoi, avevo deciso di fare il bis e tant'è stato!!!

Se penso che ho corso un'altra volta 8 ore in Castiglione, ancora nn ci credo: quest'edizione mi ha insegnato tanto, che i muscoli hanno memoria. L'edizione passata mi ha forgiato a tal punto da non sentire la tanta stanchezza di un anno fa, almeno al lunedì riuscirò anche a scendere le scale della stazione a piedi, mentre nel 2016 prendevo l'ascensore😯😮

Per ammazzare il tempo ho tentato i rimedi dell'anno scorso, come iniziare a bere birra ad ogni giro presso il ristoro! Ne ho bevuti 4 o 5, poi però ho preferito non esagerare ed ho smesso!!! 

Rincontravo Ania alle prese con il pranzo presso il covo del Rione Lupa di fronte il ristoro e con la scusa mi prendevo le mie piccole pause per ingannare la testa 😮 

Ho bevuto taaaaanto tanto, presso il punto rifornimento ufficiale e quello improvvisato dell'accogliente popolazione locale, che con il loro supporto ci ha coccolati lungo tutta la manifestazione.

Tante le cose da mangiatre a disposizione, c'era una varia scelta!

Intorno alle 5 ore di corsa ero abbastanza cotto, ma cercavo di sfruttare il percorso ormai imparato a memoria, per riuscire a trarre il meglio possibile da quel me in non splendide condizioni.
Penso ai miei cari, a Simone, alla gente colpita dal terremoto solo un anno fa e stringevo i denti: troppe le motivazioni che mi dovevano portare alla fine e quindi mi sono lasciato portare dai miei angeli, seppur avevo il sentore che stessi facendo meno bene dell'anno scorso!!!

All'ultima ora, incontro mia moglie nuovamente 


Rivedermi adesso mi fa capire meglio quello che provavo😰😰😰

Durante gli ultimi km qualcosa è scattato nella mia testa, no so perché, ma ad un certo punto mi sono convinto che per eguagliare i km dell'anno scorso avrei dovuto terminare 34 giri lunghi, mi ero autoconvinto di questo senza motivo ma la tanta stanchezza ed il cercare le motivazioni mi aveva indotto a credere che dovevo continuare a correre per tentare il PB!!!

Sapevo che ad un quarto d'ora dalla fine avrebbe iniziato il correre il circuito di 200 metri circa attorno a piazza del Collegio, che avrebbe significato che la fine era ormai prossima. A quel tempo mi trovo precisamente a passare in prossimità del punto cronometraggio, e nel vedere che stavo concludendo il mio 34 giro, una fase di relax e stanchezza totale s'impadroniva di me! La mia 8 ore poteva considerarsi conclusa, nel circuito corto finale alternerò lunghi tratti di cammino a piccoli tratti di corsa, mai fermo o seduto come tanti altri Finisher, fino alla fine ho cercato di macinare metro seppur fossi finito!!!

In quella parte finale di gara, Roberto ma soprattutto Luisa, sfrecciavano a più non posso che era un piacere vederli!!!

Ok è finita, ora si trattava di sapere solo la distanza totale ricoperta!
Chiedevo ad Ania di fare il calcolo di 34 giri lunghi, tanti ero convinto di averne fatti e poi avrei sommato qualcosa di quelli corti finali. 
Nello scoprire che la distanza corrispondeva a poco più di 50 km, storcevo un pó la bocca 😕 Sapevo di aver dato tutto ma accontentarmi non è il mio forte☺

Ora si trattava di tornare al residence e ricaricare la macchina e guidare fino a casa, e dopo una meritata doccia andarsene a dormire, la sveglia alle 6,30 avrebbe avvertito che il sogno durato tre settimane era finito!

Per la cronaca il giorno dopo vedevo la classifica ufficiale, scoprire che avevo fatto 35 giri lunghi + 5 corti per un totale di 52376 metri, ma soprattutto che ero arrivato di 4 posizioni alla fortissima Luisa, mi fa vedere il bicchiere mezzo pieno nonostante il mancato PB del 2016 (54049) !!!

VIVA LA CORSA
                                                    VIVA ANIA❤

mercoledì 5 luglio 2017

Lupa Urban Trail... Once again: let's restart

Quest'anno ci ho messo un pó a smaltire la non ben riuscita 100 km del Passatore, non tanto in termini muscolari quanto mentali, il tutto unito al poco tempo ed al tanto caldo ha fatto sì di rendere giugno il mese con meno uscite/km degli ultimi 12 anni!!!
Ma ora basta, domenica riprendo a gareggiare e come faccio per ritrovare le giuste motivazioni, andrò a correre un trail, FTMS il fast trail dei monti Simbruini, da qualche parte tocca riniziare! 😊

Sono più mesi che nutro un desiderio, ed oggi ho voluto decidermi: mi sono iscritto alla mia seconda 8 ore di Castiglione!!!

Il 27 agosto, a praticamente un anno dalla edizione 2016, proverò a rivivere la magia con cui il rione Lupa ha conquistato il mio cuore!

Tutto in questa data come regalo per te Simone: auguri caro!!!